17 Aprile 2012

Club house corre ancora (+15,7%) e amplia Fendi casa con le cucine

Il gruppo di arredo deluxe chiude il 2011 con un fatturato di 70 milioni di euro e presenta al Salone del Mobile 2012 il progetto kitchen della maison di Lvmh, in partnership con Scic, oltre alla collaborazione con Toan Nguyen

di Alessia Lucchese

Club house corre ancora (+15,7%) e amplia Fendi casa con le cucine

Club house Italia continua a scommettere sull'home design di altissima gamma; scommessa vinta su tutti i fronti anche nel 2011. Il gruppo italiano ha infatti archiviato lo scorso esercizio con un fatturato di 70 milioni di euro, registrando una crescita dei ricavi del 15,7% trainata soprattutto da mercati come Medio ed Estremo Oriente, arrivati a contare per il 46,1% del fatturato complessivo, ma anche dall'Europa che nonostante la crisi si conferma una delle aree più competitive (41,5% del turnover dell'azienda). Il focus per il 2012, come ha spiegato a MFF il fondatore Alberto Vignatelli, è quello di scommettere principalmente sui paesi dell'area Bric: «Oggi ad acquistare sono soprattutto cinesi, indiani, russi e sudamericani. E sono queste le aree su cui punteremo maggiormente quest'anno, che puntiamo a chiudere con una crescita tra il 10 e il 15%. I risultati del primo trimestre sono già in linea con l'obiettivo: il fatturato delle società estere controllate è in crescita del 50%». E per replicare la performance il gruppo è pronto a sfoderare una nuova carta al Salone del Mobile targata Fendi casa. La griffe che fa capo al gruppo Lvmh e legata a Club house da una partnership ventennale nel settore dell'arredo presenterà durante la fiera milanese il nuovo progetto Ambiente cucina, realizzato in collaborazione Scic, azienda leader nel settore kitchen. Un ulteriore tassello nella strategia del gruppo per confermare la posizione di privilegio della maison romana nel contract, dopo il lancio nel 2009 della linea outdoor, e con cui il gruppo vuole aumentare il portfolio di collaborazioni prestigiose. Dopo il rinnovo della partnership con l'Hotel Principe di Savoia di Milano per l'arredo del giardino, il gruppo ha siglato un accordo con il Polo club di Saint Tropez e concluso il deal con il Plaza Athénée di Paris per vestire il giardino della suite imperiale, oltre a mettere a segno una nuova collaborazione nel segmento aviation: «Abbiamo iniziato gli studi per una nuova barca di 96 metri realizzata dai cantieri tedeschi Lürssen: l'home furniture e le strutture saranno interamente firmate Fendi casa», ha poi spiegato Vignatelli. «Inoltre, siamo stati contattati per arredare due appartamenti a Londra in zona Hyde Park di 1.500 metri quadrati. Un'ulteriore conferma della fama di cui Fendi casa gode in tutto il mondo e su cui vogliamo continuare a scommettere anche lavorando con il nuovo ceo di Pietro Beccari per spingere ulteriormente le collezioni verso un nuovo livello di lusso». Durante il Salone del Mobile 2012 sarà svelata inoltre la nuova capsule collection firmata dal designer Toan Nguyen per Fendi casa, composta da due divani e un cofee table attraverso i quali la griffe vuole misurarsi con l'essenza più pura del design. Uno spazio speciale, inoltre, sarà riservato a una retrospettiva dedicata ai sessantacinque anni di carriera dell'artista Vladimir Kagan, che ha collaborato con il gruppo in passato rieditando suoi pezzi iconici con tessuti d'archivio di Kenzo maison, altra linea home nel portfolio di Club house. Alcuni pezzi storici del designer tedesco saranno protagonisti all'interno dello spazio Luxury living, l'house brand del gruppo che debutta al Salone con una collezione dedicata alla classica casa italiana e destinata a rinnovarsi di anno in anno seguendo un tema differente. Il gruppo, intanto, punta a espandere la propria rete retail: «Oggi siamo presenti con le nostre insegne nel mondo con 12 vetrine, stiamo definendo gli ultimi dettagli per inaugurare uno store a New York e presto traslocheremo l'insegna di Los Angeles in uno spazio tre volte più grande a Beverly Hills. Infine, siamo in trattative con Harrods a Londra», ha concluso Vignatelli. «Stiamo poi mettendo a punto il piano di aperture retail dedicate solamente agli accessori: l'obiettivo è di inaugurare 40 vetrine dedicate nei prossimi due anni». (riproduzione riservata)