17 Aprile 2012

Il Bagno prepara la quarta edizione della rassegna

In oltre 15 mila metri quadrati, 170 aziende racconteranno l'arredo di quest'area della casa, tra soluzioni design e intuizioni eco

Il Bagno prepara la quarta edizione della rassegna

Quella per le sale da bagno è una passione tutta mediterranea. Non c'è sauna finlandese che tenga, il piacere della cura del sé trae origine dalla cultura greco-romana per arrivare al design contemporaneo made in Italy. Che per la quarta volta, con cadenza biennale, si svela nei padiglioni dedicati al Salone internazionale del bagno in calendario, nell'ambito de I Saloni 2012 di Fiera Milano a Rho, dal 17 al 22 aprile. «Questo comparto si distingue per due filoni molto importanti: da un lato non si può scindere dal contesto edile; dall'altro il piacere di arredare e completare lo spazio bagno oggi sta diventando sempre più importante», ha spiegato a MFF Gianluca Marvelli, presidente Assobagno di FederlegnoArredo, «e se il mercato interno continua ad aver bisogno di quella che noi chiamiamo un'iniezione di fiducia, l'estero sembra recepire meglio il savoir faire delle nostre aziende che non esportano solo oggetti o arredi ma un concetto completo di italian lifestyle soprattutto verso Francia, Germania e Russia ma anche in estremo e medio oriente e in Cina dove i numeri sono ancora relativi ma il potenziale è decisamente interessante». Chiuso il 2011 con un fatturato alla produzione di 2,489 miliardi di euro (-4% rispetto al 2010) il sistema arredobagno quest'anno concentra l'attenzione sui dettagli di un'offerta sempre più ricercata facendo ricorso a collaborazioni importanti con architetti di fama e sottolineando la sua vocazione green utilizzando materiali nobili e sostenibili. Di queste tematiche si parlerà grazie ai 170 espositori spalmati su oltre 15 mila metri quadrati tra il padiglione 22 e 25. E c'è anche da sottolineare che il Salone internazionale del bagno ne ha fatta di strada dal debutto nel 2003 all'interno del Salone Internazionale del Mobile, quando solo 42 espositori occupavano poco più di 2mila quadrati espositivi. La biennale del bagno, che nel 2010 con 155 aziende espositrici italiane e 13 esteri aveva catalizzato l'attenzione di oltre 297mila visitatori, promette ora di essere all'altezza delle aspettative con un'offerta trasversale capace di dare spazio tanto all'arredo propriamente detto quanto al complemento che diventa un nuovo territorio di sperimentazione design. Così ad allietare i visitatori ci sarà la zona benessere «In-bellezza» realizzata in collaborazione con Fiera Milano per offrire esperienze e trattamenti di bellezza, dalla Grotta di sale Tepee alla Stanza dello yoga creata in collaborazione con Yoga journal fino alla Tavola della bellezza studiata in collaborazione con Mauro Adami che interpreta Aveda per il marchio Domo Adami. (riproduzione riservata)