17 Aprile 2012

Quattro mostre per far vivere i Saloni alla città di Milano

Anche quest'anno il Salone internazionale del mobile valica i confini dei padiglioni del polo fieristico di Rho per far vivere l'intera città con quattro appuntamenti organizzati da Cosmit. Dopo l'evocazione celtica della scorsa edizione con il bosco di luce di piazza San Fedele, quest'anno il fulcro della celebrazione di Milano si sposta alla Biblioteca/Pinacoteca accademia Ambrosiana. La performance «Librocielo. Voci e luci sull'abitare dov'era il cuore romano», ideata da Attilio Stocchi, trae ispirazione proprio dalla storia della città mettendo in scena un cammino sonoro e di luce tra le diverse sale con immaginifici dialoghi di libri parlanti. Mentre al Teatro dell'arte della Triennale di Milano va in scena lo spettacolo «Design dance», dove 456 oggetti di design, classici e moderni, prendono vita attraverso attori, acrobatici e danzatori che li portano sulla scena o li raccontano con immagini in movimento. L'evento, firmato da Michela Marelli e Francesca Molteni, rappresenta la nuova puntata della trilogia sulla nascita e ascesa del design italiano, il progetto supportato da i Saloni e avviato lo scorso anno con la rappresentazione teatrale «Mani grandi, senza fine», che verrà riproposta durante la settimana del design al Piccolo teatro di Milano. La strada per eccellenza dello shopping milanese, via Montenapoleone, sarà invece la location della mostra «MonteNapoleone Design Experience by Citroën». L'architetto Piero Russi ha immaginato cinque diverse case in legno in ognuna delle quali è stata ricreata l'atmosfera del decennio inserendo pezzi cult di design dell'epoca e, davanti a ciascuna casa, il modello Citroën di ogni periodo. Chiude il bouquet di appuntamenti l'evento «Milano plants the Expo field» al Palazzo delle Stelline, organizzato dalla provincia di Milano, regione Lombardia, fondazione Stelline di Milano, assemblea regionale siciliana e la provincia regionale di Palermo. (riproduzione riservata)