1 Dicembre 2012

Da Fast retailing a Onward, tutti i colossi del fashion nipponico

di Matteo Zampollo

Da Fast retailing a Onward, tutti i colossi del fashion nipponico

Sono pochi gli attori davvero importanti nel frastagliato panorama moda giapponese. Pochi ma pesanti. I gruppi, le holding della moda, infatti, sono coloro che fanno la voce grossa. Al di là dei nomi più importanti, delle maison più acclamate, il mondo fashion giapponese si muove attraverso grossi gruppi di wholesale e retail, che hanno creato col tempo un sistema stabile e che ha avuto successo anche in terra Occidentale. Mediante acquisizioni intelligenti e movimenti mirati. Il nome che guida la lista è quello di Fast retailing, compagine che controlla tra gli altri anche il colosso del fast fashion Uniqlo (nella foto un adv). Un gigante della moda, che vanta al suo interno anche Comptoir des cotonniers, Helmut Lang e Theory, solo per citarne alcuni. Nell’anno chiuso ad agosto 2012, il gruppo ha superato gli 11 miliardi di dollari di vendite, attestandosi come una delle super potenze dell’estremo oriente, che ieri ha annunciato di aver acquisito un altro piccolo gioiello made in Usa: il marchio J Brand (vedere altro articolo a pagina II). Di diverso valore, o almeno, che si è mosso su strade differenti è la Onward holding. Nota in Europa per l’acquisizione di Jil Sander nel settembre del 2008, accompagnata dalla sua sussidiaria europea, la Gibo co. spa, Onward è tra i nomi più in forma del panorama moda giapponese. La chiusura di esercizio di febbraio 2012 riporta quasi 3 miliardi di dollari di vendite. Altro nome con interessi, almeno in passato, in Europa è Renown. Negli anni 90, il marchio era proprietario di Aquascutum. Ora, le acque non sono più così tranquille: la chiusura dell’anno 2011 segna un rosso di quasi mezzo milione di dollari. Questo nonostante l’acquisizione del 40% delle quote da parte del gruppo cinese Shandong Ruyi nel 2010, per cercare di salvarla dal periodo non felice che il gruppo stava attraversando. Più piccola, ma con grandi potenzialità di sviluppo, la World co. ltd. I marchi che gestisce sono più che altro locali, con una distribuzione consolidata attorno al Giappone, occupandosi direttamente sia di retail che di wholesale. Il suo risultato 2011 è un utile consolidato di 143 milioni di dollari. (riproduzione riservata)