19 Febbraio 2013

Tom Ford, grande ritorno over the top

Dopo quasi dieci anni di assenza dalle passerelle internazionali lo stilista texano sceglie Londra per tornare in scena con una collezione glamourous e opulenta, dal sapore «Cross cultural e multiethnic»

di Alessia Lucchese (Londra)

Tom Ford, grande ritorno over the top

Bracieri all’ingresso, luci soffuse, calici di champagne serviti da camerieri in guanti bianchi. Tom Ford sceglie l’opulenta cornice della Lancaster house per sancire il suo ritorno ufficiale sulle passerelle. Ufficiale perché questa volta è inserito nel calendario di una fashion week. E con un défilé aperto non più a una ristretta schiera di eletti, ma a una nutrita schiera di fotografi non si chiamano soltanto Terry Richardson, come era accaduto a New York. E a celebrare il come-back dello stilista texano ci sono proprio tutti: dalla sua nuova icona maschile Justin Timberlake, accompagnato dalla neo moglie Jessica Biel che sembra uscita dal look book della collezione estiva, a Carine Roitfeld, passando per Anna Wintour e Gildo Zegn, partner con il gruppo Ermenegildo Zegna del business maschile. «Cross cultural e multiethnic». È questa la definizione che mister Ford regala spiegando la sua collezione per l’autunno/inverno 2013/14, che parte in un turbinio di optical black and white su abiti sinuosi, luccicanti di paillettes, da indossare sotto bomber sparkling o giacche dalle lunghe frange dondolanti. Il touch è super-glamour, nei ricami floreali pop up o nei patchwork di pellicce dei coat dal piglio folk, fino ai maxi-duvet maculati. La sera si tinge di ricami ispirati alla pop art, scintillando sui long dress animalier. Destinati, senza ombra di dubbio, a conquistare i Red carpet più blasonati. Giudizio. Le presentazioni top secret ormai cominciavano a stare strette a Tom Ford. Dopo quasi dieci anni di attesa (l’ultima sfilata-kolossal per la maison Gucci è stata nel 2004, ndr) torna a dettare le sue regole sul catwalk. Il tocco è riconoscibilissimo, la perizia e la ricchezza delle lavorazioni quelle a cui aveva abituato il suo popolo di fans. Ma la sensazione è che abbia voluto dire tutto subito, troppo in fretta. Lanciando un messaggio fin troppo urlato nei toni e che lascia un po’ interdetti. Il giudizio è rimandato alla prossima sfilata. Perché dopo un come-back così volutamente scintillante e glamourous è certo che mr Ford non ha voglia di restare più nel buio. (riproduzione riservata)