9 Gennaio 2014

Sette talenti per l’Ucraina

di Camilla Gusti (Firenze)

Sette talenti per l’Ucraina

Quest’anno la creatività internazionale di Pitti immagine uomo è firmata dall’Ucraina. La nazione, che si è distinta nell’ultimo periodo come una delle realtà più interessanti e in forte sviluppo nel comparto fashion, infatti, è stata scelta come ospite di Guest nation (nella foto, l’intera delegazione ucraina), il progetto, sponsorizzato da Pitti Immagine e Fondazione Pitti discovery, dedicato ai nuovi player dell’economia mondiale, in scena ieri all’Arena Strozzi all’interno di Pitti_W. Sette i designer selezionati da Daria Shapovalova, direttore creativo di Mercedes Benz Kiev fashion days, che hanno raccontato attraverso un mini guardaroba la loro visione per il prossimo autunno inverno. Tra i brand coinvolti si è fatta notare Anna K, griffe firmata dalla giovanissima Anna Kolomoets che ha raccontato attraverso T-shirt e felpe dal sapore rock la sua visione hipster, una delle tendenze più forti di questa edizione di Pitti Immagine. A farle da spalla le creazioni di Kseina Schnaider con i suoi capi in pelle tutti color black. Sartoriali e dal sapore nettamente futurista, invece, gli abiti firmati dall’architetto e designer Yulia Paskal punta tutto su intarsi laser e colori shock. Anna October, invece, parte da un viaggio estetico ispirato alla rivoluzione d’Ottobre, dagli abiti di feltro che richiamano le divise delle educande d’inizio secolo a look shining che brillano anche di notte. E per finire Kostya Omelya, fondatrice di Omelya Atelier, punta su minimal siderale; Yasya Minochkina inventa total look con leggerissimi duvet color pastello, mentre Sasha Kanevski immagina una collezione trasformabile e ultra performante. (riproduzione riservata)