24 Novembre 2015

Tod’s integra Roger Vivier

Il gruppo ha accolto sotto la sua ala il marchio deluxe finora controllato da Gousson, società di Diego e Andrea Della Valle, per 415 milioni di euro. Andrà a completare il portfolio dei brand di proprietà.

di Chiara Bottoni

Tod’s integra Roger Vivier

Il gruppo Tod’s accoglie sotto la sua ala il marchio Roger Vivier, finora prodotto in licenza, rilevandolo dalla Gousson consultadoria e marketing dei fratelli Diego e Andrea Della Valle per 415 milioni di euro. La società, che ha archiviato i primi nove mesi con un fatturato di 786,9 milioni di euro (+6,2% a cambi correnti) di cui circa il 14% ovvero 112,1 milioni generati da Vivier (+20,1%), pagherà la transazione cash e con linee di credito già in essere. Gousson, a sua volta, si è impegnata a reinvestire 207,5 milioni di euro in Tod’s, sottoscrivendo un aumento di capitale riservato, a seguito del quale Gousson deterrà il 7,51% del capitale sociale di Tod’s, mentre tutti gli azionisti diversi da Diego Della Valle, la cui partecipazione passerà dal 57,47% al 60,66%, subiranno una diluizione del 7,51%. Nell’ambito dell’operazione, Roger Vivier France, società controllata da Tod’s, si è assicurata la possibilità di acquistare contestualmente Roger Vivier Paris, società che fa capo a Gousson, che gestisce il flagship store di Parigi in rue du Faubourg Saint-Honoré 29 per 20 milioni di euro. Come specificato nella nota ufficiale diffusa dal gruppo nel fine settimana: «L’operazione rappresenta un’importante opportunità di crescita e di sviluppo del business, in quanto Tod’s intende assicurare al gruppo in via definitiva la titolarità del marchio, eliminando le incertezze proprie di qualunque licenza». Innegabile, infatti, la strategicità della griffe francese nel contesto degli altri brand della società di Della Valle, grazie al suo posizionamento nella fascia alta del mercato. Mentre il prezzo trova pieno riscontro nelle perizie degli esperti incaricati di effettuare le valutazioni. Trattandosi di un’operazione tra parti correlate, è stata seguita una procedura molto rigorosa che ha previsto, tra l’altro, l’intervento di tre financial advisors e di due periti. In particolare il cda di Tod’s è stato assistito dall’advisor finanziario UniCredit e da un esperto indipendente, mentre il Comitato amministratori indipendenti si è avvalso di un advisor finanziario indipendente (Citigroup). Gousson è stata assistita da Mediobanca-Banca di Credito Finanziario e da un esperto indipendente. L’operazione è stata deliberata con l’unanime parere e voto favorevole degli amministratori indipendenti che siedono nel consiglio di Tod’s e senza la partecipazione dei Della Valle né alle discussioni né alla delibera. Le procedure previste dalla legge, a tutela degli azionisti, per le operazioni con parti correlate sono state rafforzate dalla scelta fatta dal cda, su base totalmente volontaria e non necessaria, di sottoporre la decisione finale alla procedura di white-wash in sede assembleare (il prossimo gennaio), per consentire ai soli azionisti di minoranza di decidere se effettuare o meno l’operazione. (riproduzione riservata)