14 Aprile 2016

Living News

di Barbara Rodeschini

Living News

Gaetano Pesce, mostra a Palazzo Morando

In occasione della Design week, il Museo civico di Palazzo Morando ospiterà la mostra «Altra bellezza», dedicata a Gaetano Pesce . Curata da Vittorio Sgarbi, sarà aperta al pubblico sino al 31 luglio. Tre le diverse sezioni in cui è divisa l’esposizione e che ne propongono le ricerche contemporanee: preziosi, modelli di forma e intrusi musivi. All’interno sono presenti pezzi storici e attuali che vanno da alcuni disegni inediti per la serie di poltrone Up alle interpretazioni contemporanee di oreficeria fino ad arrivare alle inedite Portrait lamp.

Poliform cresce del 20% e punta sul retail

Poliform arriva al Salone del mobile.Milano con novità firmate da Jean-Marie Massaud, Marcel Wanders, Emmanuel Gallina e Vincent Van Duysen, oltre all’ultimo modello Arthena di Varenna, l’azienda dedicata alla produzione di cucine. Il gruppo brianzolo, che nell’ultimo esercizio ha segnato un fatturato in crescita del 20%, salendo a 155 milioni di euro, più i 36 delle società estere, si prepara entro la fine del 2016 all’opening newyorkese in Madison avenue, quello indiano del monobrand di Hyderabad, che si aggiunge ai monomarca di New Dehli e Bangalore. In Europa è invece previsto l’opening di uno showroom Poliform (nella foto un modello) nel cuore di Berlino.

Porta Romana, sbarca il self made design

In occasione della Design week, 33 giovani designer hanno arredato un loft privato di 140 metri quadrati in zona Porta Romana . L’iniziativa si chiama Source App ed è ideata da Source, realtà dedicata al design autoprodotto e laboratorio permanente di creatività, gestito dall’associazione Altrove. Comun denominatore l’autoproduzione e l’apporto di una selezione di artigiani fiorentini a cura di Florence factory. Nei giorni del FuoriSalone sarà anche presentata l’applicazione Source che, oltre a comunicare le attività dell’associazione, consentirà anche la vendita.

Gli intarsi di Paradisi alla Fondazione Ferré

Nei giorni della Design week, la Fondazione Ferré ospita l’esposizione dedicata a Ivan Paradisi, quarantenne artista ed ebanista torinese (nella foto un’opera). La sua caratteristica principale è il modo in cui lavora il legno a intarsio. Ogni pezzo, infatti, lavorato a mano con il concetto di modellatura e stratificazione, ha come riferimento la tradizione italiana del Cabinet, il mobile contenitore decorato, ma con con una nuova visione dello spazio e contraddistinta da linee fluide.

Arclinea (+12%) pensa al futuro

Un 2015 chiuso in crescita del 12% a oltre 17 milioni di euro di ricavi e un 2016 che si apre in uno scenario macroeconomico in grande fermento. Ma Arclinea non perde tempo e Silvio Fortuna, ad dell’azienda vicentina specializzata in cucine di design d’alto livello, non sembra avere dubbi. Tanto che nel futuro della realtà made in Italy sembrano esserci solo due opzioni: l’ingresso di un fondo azionario o la quotazione in Borsa. E l’idea sembra essere una sola: avere i capitali per sostenere un nuovo grande piano di sviluppo internazionale.

Artek sfodera un tris di eventi

Tris di appuntamenti per Artek. Il marchio finlandese di arredamento ha collaborato con il designer britannico Simon Hasan per lo sviluppo di un progetto sul tema viaggio e di un albergo nell’ambito della mostra organizzata da Wallpaper «Handmade» a Milano. Ne è nata la collezione Primary objects, una serie di piccoli contenitori di base dalla struttura geometrica, studiata per organizzare la vita quotidiana in albergo o in casa. Artek sarà anche presente da Marimekko, il marchio finlandese di design, nella realizzazione di Marimekko Home nel cuore di Brera. Infine, il prossimo 20 aprile il brand sarà celebrato nella mostra «Artek and the Aaltos: Creating a modern world» a New York, prima retrospettiva dedicata ad Alvar Alto negli Usa.

Chelini gioca tra outdoor e indoor

Chelini in piena evoluzione. Il brand che ripone nella tradizione toscana i codici del suo savoir faire, arriva al Salone del mobile.Milano con una serie di proposte calde, che catapultano lo spettatore in un mondo opulento, di oro e bagliori, velluti e ciniglie in grigio fumo o blu di Prussia. Segnano l’evoluzione dell’azienda che mira a trasformarsi in un classy classico contemporaneo, adattabile all’arredo degli interni come dell’outdoor.

Zucchi e il suo bosco d’inverno

Un bosco d’inverno interpretato in una dimensione magica e incantata: è questo il tema d’ispirazione della collezione autunno 2016 di Zucchi , che immagina motivi grafici ispirati alle trame della vegetazione boschiva. Continua poi la collaborazione tra Bassetti e Pantone, da cui è nata una collezione tradizionalmente improntata sul colore. (riproduzione riservata)