30 Giugno 2016

John Richmond al rilancio fra licenze e prima linea

Dopo la sentenza che gli ha riconosciuto l’utilizzo esclusivo dei marchi che contengono il suo cognome, lo stilista ha rivelato a MFF novità e progetti. A partire dalla ricerca di un partner industriale.

di Alessandro Wagner

John Richmond al rilancio fra licenze e prima linea

John Richmnond si prepara al rilancio. Dopo l’ordinanza esecutiva del Tribunale di Milano che ha riconosciuto a lui e alla finanziaria Fashioneast il diritto all’utilizzo esclusivo dei marchi che contengono il suo cognome (vedere MFF di ieri), lo stilista inglese ha rivelato in questa intervista a MFF novità e progetti in cantiere.

John Richmond torna nella piena disponibilità di John Richmond... Quali sono le novità su cui sta lavorando?

Innanzitutto le licenze per calzature, pelletteria, swimwear e sportswear, jeans compresi, che abbiamo già definito per presentare le prime collezioni già dai prossimi appuntamenti dei rispettivi settori. Per ora si tratterà di collezioni contenute, ma significative.

Chi sono i licenziatari?

Ancora preferirei non fare nomi, perché nell’arco di poche settimane vorremmo fare un annuncio complessivo, ma col lavoro siamo già avanti.

E per quanto riguarda la prima linea quali sono i progetti?

Torneremo a presentare le collezioni uomo e donna della main collection a partire dalla prossima stagione, dal mese di gennaio.

Presenterà la main collection a Milano o a Londra?

Ancora non lo abbiamo deciso, potremmo anche presentare l’uomo a Milano e la donna a Londra, o viceversa. Non è una scelta facile, perché comunque il mio marchio è molto legato all’Italia, in un certo senso è al 50% italiano.

Chi produrrà la prima linea?

Anche questo è un aspetto che stiamo definendo. Nelle prossime due settimane ho una serie di incontri con realtà produttive italiane e credo che defineremo la cosa in tempi brevi. Ma sono felice di constatare che l’accoglienza è stata molto positiva, mi ha confermato che il potenziale del marchio è ancora tutto lì.

I marchi erano stati rilevati in sede di concordato preventivo dalla società Fashioneast. Può dire qualcosa in più su questa società e sui suoi azionisti?

Fashioneast è la società di un amico che crede nel marchio e ha voluto finanziarne il rilancio. Almeno per ora io non ho partecipazioni nella società, ma un contratto che mi affida la direzione creativa dei brand.

Il rilancio di John Richmond sarà dunque targato esclusivamente Fashioneast?

Per ora sì, ma per il futuro non è detto, perché stiamo cercando un partner industriale forte. Sarebbe prematuro dire di più, ma i primi contatti sono stati molto promettenti. Come dicevo, l’allure del marchio è ancora molto forte. (riproduzione riservata)