9 Settembre 2016

Ferré in mostra a Parma

di Alice Merli

Si chiama «Ferré e Comte-Dettagli. Grandi interpreti tra moda e arte» l’inedita exhibition dedicata all’incontro tra l’archivio stilistico di Ferré e la fotografia di Michel Comte, che andrà in mostra a Parma, a Palazzo del Governatore, dal prossimo 30 settembre al 15 gennaio 2017. La retrospettiva, promossa dal Comune di Parma in collaborazione con Fondazione Gianfranco Ferré e inserita nell’ambito delle numerose iniziative volte a valorizzare il territorio in occasione del bicentenario dell’arrivo di Maria Luigia d’Asburgo-Lorena a Parma, abbraccerà al suo interno due percorsi espositivi. «Gianfranco Ferré e Maria Luigia: inattese assonanze», curato da Gloria Bianchino e Alberto Nodolini insieme alla Fondazione e «Neoclassic», seguita da Jens Remes con Alberto Nodolini e Anna Tavani e dedicata alle installazioni di Michel Comte. Il fotografo svizzero si lega infatti al mondo della moda fin dagli anni 70, quando ha scattato diverse campagne pubblicitarie per maison del calibro di Ungaro, Chloé, Giorgio Armani, Dolce & Gabbana, oltre a Ferré. I protagonisti saranno 60 capi più bozzetti provenienti dall’archivio di 3 mila pezzi della Fondazione, come alcune giacche della collezione autunno-inverno 2003/04 ispirata a Napoleone o i look riferiti al Giappone militare e ai Samurai della collezione fall-winter 1981/82. «Il nostro scopo rimane quello di aiutare i giovani nella moda. E spero che questo progetto possa essere anche fonte di una nuova analisi, approfondimento e opportunità per il loro futuro», ha detto Rita Airaghi, direttore della Fondazione Gianfranco Ferré. (riproduzione riservata)