26 Ottobre 2016

Otb rileva Paula Cademartori

Il gruppo di Renzo Rosso entra nel capitale del marchio con una quota di maggioranza Con l’idea di far crescere la griffe da 5 milioni e di dare slancio al segmento accessori della holding da 1,59 miliardi di ricavi, che ha anche creato un’azienda ad hoc, la Props

di Giampietro Baudo

Otb rileva Paula Cademartori

Cresce la famiglia di Otb. A pochi giorni dall’annuncio del riassetto di Marni (vedere MFF del 22 ottobre), la holding di Renzo Rosso da 1,59 miliardi di euro di fatturato (+2%) ha annunciato in anteprima a MFF di aver rilevato una quota di maggioranza del marchio Paula Cademartori, brand di accessori fondato dalla stilista italo-brasiliana. Top secret i termini finanziari della transazione, che sarà articolata su più fronti e che rappresenta un doppio debutto per il gruppo di Rosso. È infatti il primo investimento in un marchio giovane, che va a posizionarsi in un portafoglio dove compaiono già Marni, Viktor & Rolf e Maison Margiela oltre all’ammiraglia Diesel, ed è il primo investimento nel segmento degli accessori, business in cui Rosso sta progettando di investire grandi risorse. «Quello con Paula e con le sue borse è stato amore a prima vista... L’ho incontrata per la prima volta al summit Crafting the future of fashion di Cnmi-Camera nazionale della moda italiana (vedere MFF del 22 giugno) e sono rimasto affascinato dal suo mondo. Ci siamo parlati e incontrati spesso e abbiamo capito che era arrivato il momento di dare vita a questa collaborazione», ha spiegato in anteprima a MFF Rosso, in partenza per la Cina (vedere box a pagina II). «D’altronde incoraggiare la creatività e supportare i giovani talenti è una missione chiave del gruppo Otb». Raggiante anche la designer, alla guida di un marchio nato sei anni fa e che punta a chiudere l’esercizio con un fatturato di circa 5 milioni di euro. «Sono davvero felice e orgogliosa di entrare a far parte di una grande famiglia come quella di Renzo... È davvero un sogno che diventa realtà. Ormai ero arrivata al momento di fare il next step per poter dare slancio al marchio. E questo matrimonio è il migliore che mi potessi aspettare». Matrimonio che permetterà alla stilista di realizzare qualche sogno nel cassetto come: «Il primo monomarca, sicuramente. E poi l’ampliamento della distribuzione in quei mercati, come Asia e Usa, dove al momento sono meno forte. Ma anche lo sviluppo delle calzature che stanno performando molto bene». Niente business plan o cifre di crescita, al momento, ma soltanto l’inizio di un cammino comune focalizzato sul mondo degli accessori. «L’energia e la positività di Paula sono contagiose e il suo prodotto è davvero unico. Nel nostro gruppo continuerà a creare oggetti innovativi in totale libertà grazie anche al supporto strutturale che le offriremo», ha poi aggiunto Renzo Rosso. «È un vero talento da coltivare. In questo momento ci concentreremo sul suo marchio e poi capiremo cosa fare insieme. Di certo sono fiero di avere un personaggio come lei a bordo. In questo momento sono molto affascinato dal mondo degli accessori e credo che continueremo a investire in questa direzione. Sia a livello di nuove acquisizioni che di produzione». Perché l’arrivo di Paula Cademartori, che continuerà in questa fase iniziale ad avvalersi della sua piattaforma produttiva made in Italy, coinciderà con un’accelerata di Props, divisione interna al gruppo dedicata a borse e calzature e diventata una vera e propria azienda con sede all’interno dell’ex fabbrica Diesel di Molvena (Vicenza) dove oggi lavorano circa 50 persone. «Abbiamo lavorato per creare un centro di produzione made in Italy dove poter radunare le eccellenza dedicate al mondo degli accessori e dove poter accogliere anche altri talenti emergenti», ha concluso, «avere a bordo di questa avventura Paula mi riempie di grande orgoglio». (riproduzione riservata)