11 Gennaio 2017

Blauer, ricavi col turbo (+19%)

Il brand della Fgf industries di Enzo Fusco batte le attese e chiude l’anno a 40 milioni, royalties escluse E per il 2017 si punta ai 50 milioni

di Andrea Guolo (Firenze)

Blauer, ricavi col turbo (+19%)

Internazionalizzazione e nuove licenze fanno impennare i conti di Blauer. Il marchio del gruppo veneto Fgf industries chiude il 2016 con 40 milioni di euro di ricavi, escluse le royalties, con un balzo del 19% sul turnover 2015 e superando le attese del patron Enzo Fusco, che aveva inizialmente stimato 38 milioni di ricavi (vedere MFF del 14 giugno). «Siamo soddisfatti», ha spiegato a MFF Fusco, «perché il brand è caratterizzato da un ottimo sell-out con richieste continue di riassortimento. Dopo la cessione di Cp Company, che ci costava tantissimo e non rendeva abbastanza, ci siamo concentrati su Blauer, che invece ha sempre garantito guadagni, allargando la rete commerciale ed entrando in tutti i principali mercati mondiali tranne Gran Bretagna, dove muoveremo i primi passi a fine anno grazie alla partnership con l’importatore Top marketing, e Cina». La principale novità presentata a Pitti immagine uomo è legata alla pelletteria. Blauer ha infatti debuttato con la licenza affidata a Principe, storica azienda varesina già licenziataria di Les Copains, Ungaro e Cerruti, dando vita alla prima collezione di borse, cinture e piccola pelletteria per la stagione invernale 2017/18, con l’obiettivo di raccogliere il 70% nell’uomo e il restante 30% nella donna. La leathergoods collection si aggiunge così alla footwear, giunta al terzo anno e affidata sempre su licenza alla trevigiana Bridge, e alla linea eyewear gestita da Had-Have a dream che ha siglato un accordo di distribuzione esclusiva per l’Italia con Vision group. Tutte queste operazioni portano Fusco a fissare un budget 2017 ancor più ambizioso. «Abbiamo previsto un aumento del 25%, con un fatturato attorno ai 50 milioni a cui vanno sommate le licenze, che dovrebbero rendere tra gli 8 e i 10 milioni», ha poi sottolineato l’imprenditore. Un particolare contributo dovrebbe arrivare dagli Usa, dove Blauer è il brand leader nelle forniture di abbigliamento per polizia e vigili del fuoco, con ampia disponibilità della famiglia fondatrice ad accompagnare gli investimenti di Fgf industries, suo licenziatario mondiale, nell’ambito fashion. (riproduzione riservata)