10 Febbraio 2017

Puma ingrana la quinta. In corsa vendite (+10,2%) e profitti (+68%)

di Aurora Cardi

Puma ingrana la quinta. In corsa vendite (+10,2%) e profitti (+68%)

Puma archivia un esercizio decisamente positivo. Nell’anno fiscale 2016, il marchio tedesco dello sportswear controllato da Kering ha registrato ricavi per 3,62 miliardi di euro, in salita del 10,2% (+7,1% a cambi costanti). I profitti sono balzati del 68% a quota 62,4 milioni di euro, rispetto a un quarto trimestre che ha evidenziato un rosso di 4,6 milioni di euro, migliorato rispetto alle stime degli analisti per 5 milioni. L’Ebit è cresciuto del 32,6% per un totale di 127,6 milioni di euro. A livello geografico, nell’anno le vendite nella regione Emea sono cresciute del 13,2%, con in testa Francia, Germania, Austria e Svizzera, mentre nelle Americhe l’incremento è stato dell’8,3%. In corsa anche l’Asia Pacific (+8,5%) che ha fruttato 904,5 milioni di euro di ricavi. Quanto ai settori, il footwear ha messo a segno un +12,6%, l’apparel un +9,6% con accessori in salita del 5,9%. «Il 2016 è finito come avevamo sperato, con una crescita dinamica delle vendite a livello worldwide. Per quest’anno lavoreremo per migliorare i profitti netti in modo significativo», ha detto Bjørn Gulden, ceo del marchio. Per quanto riguarda la guidance del 2017, l’azienda prevede di raggiungere ricavi in salita single-digit, tra il 5 e il 9%. (riproduzione riservata)