17 Marzo 2017

Montblanc lancia il primo smartwatch

Il modello, al via a maggio, è il primo orologio connesso di Richemont.

di Paco Guarnaccia (Londra)

Montblanc lancia il primo smartwatch
Montblanc summit

Prima mondiale per Montblanc che ieri sera ha scelto Londra per il lancio del suo primo smartwatch: il Montblanc Summit. L’azienda leader in strumenti da scrittura, leather goods e orologeria tradizionale è il primo tra i brand orologieri del gruppo Richemont, in cui è entrato nel 1998, a presentare un orologio connesso. A volere fortemente questo progetto è stato il ceo uscente Jerome Lambert che a Londra si è congedato dall’azienda per passare a giorni al nuovo ruolo di head of operations per tutti i brand di Richemont esclusi quelli di gioielleria e orologeria. «Nessuno al giorno d’oggi può vivere senza certe tecnologie. Io, per esempio, sono dipendente dal mio smartphone per leggere le mie e-mail e avere tutte le informazioni possibili», ha spiegato a MFF Lambert. «Questo motivo mi ha indotto a pensare che l’ideale sarebbe stato avere uno smartwatch in linea con la nostra tradizione e il nostro savoir faire nel creare oggetti esclusivi. Nel recente passato abbiamo lanciato già dei prodotti con tecnologie moderne come un orologio con l’e-strap (un cinturino Smart) e l’Augmented Paper (dove la scrittura manuale ha incontrato il digitale)». Il Summit è un modello con cassa in acciaio di 46 mm di diametro e con tecnologia Android Wear 2.0. Il display è rotondo in alta definizione protetto da un vetro zaffiro bombato, una prima assoluta su uno smartwatch. Wi-fi, cardiofrequenzimetro posizionato sul fondello e molte altre funzioni. Sulla produzione, Lambert non si è sbilanciato: «Cercheremo di produrne più che possiamo. Sicuramente sarà un numero significativo e quantificabile in una doppia cifra percentuale della nostra produzione». Questo lancio ha diversi obiettivi. «Visto il posizionamento a un prezzo molto competitivo, che parte dai 900 euro, può essere tranquillamente il secondo orologio per chi ne possiede già uno tradizionale o il primo per un giovane. Questo modello connesso è un ponte tra le nuove generazioni e gli orologi da polso», ha poi aggiunto. Il Summit sarà in vendita da maggio in tutte le boutique monomarca e nei concessionari autorizzati. «Per la distribuzione la strategia non cambia e segue la nostra tradizione. Per noi questo smartwatch è un’estensione della nostra esperienza in orologeria. Sarà importante spiegare e raccontare bene questo nuovo progetto». Altri brand del gruppo seguiranno la strada aperta di Montblanc? «Non posso rispondere per gli altri», ha concluso, «ma posso dire che se fai parte di un gruppo e hai esperienze positive, sei felice di condividerle con loro». (riproduzione riservata)