15 Giugno 2017

Montblanc a tutto heritage si prepara a conquistare Milano

Il marchio del gruppo Richemont ha svelato la linea Heritage 1926 di pelletteria e prodotta nella nuova manifattura-atelier di Scandicci. E ha annunciato anche l’opening di uno store dedicato. «Siamo pronti a inaugurare un nuovo monomarca, il primo in Italia con questo concept, che avrà un focus maggiore sugli accessori. Sarà all’interno della Galleria Vittorio Emanuele II», ha spiegato a MFF il nuovo ceo Nicolas Baretzki.

di Matteo Minà (Firenze)

Montblanc a tutto heritage si prepara a conquistare Milano

Montblanc lancia la nuova collezione di borse e pelletteria Heritage 1926 ed è pronto a inaugurare a Milano il primo negozio con un focus maggiore su questa merceologia. Il brand tedesco specializzato negli strumenti da scrittura e di proprietà del colosso elvetico Richemont, ieri sera a Firenze ha presentato la neonata linea di accessori. In scena un evento all’interno delle Serre Torrigiani, dove hanno preso parte anche l’attore Hugh Jackman, global brand ambassador, il collega italiano Luca Argentero e il modello brasiliano Marlon Teixeira. Per la prima volta Montblanc ha introdotto una collezione in pelle tinta con colori a base vegetale e trattata secondo la tradizione toscana. Una proposta, sviluppata su tonalità terrose e invecchiamento bruno scuro, che esalta il fascino dell’indossato. La linea, il cui nome si ispira all’anno in cui sono state introdotte dal marchio le proposte di pelletteria, è 100% made in Italy, sviluppata all’interno della manifattura di Scandicci (Firenze). La proposta dall’allure vintage si sviluppa su una ventina di modelli, tra borse, portafogli e accessori. Le finiture sono in color oro anticato, il logo impresso nella pelle si rifà alle grafiche storiche, mentre la fodera interna, in rosso, è ispirata ai tessuti della tribù regale dei Maasai. Per enfatizzare il look e il tatto della proposta vengono utilizzati tannini vegetali ed emollienti che donano alla pelle un profumo distintivo, rendendo ogni prodotto unico, che si evolve insieme a chi lo possiede. Montblanc Heritage 1926 sarà disponibile da settembre prossimo in tutte le boutique del brand nel mondo. «Per noi la pelletteria è la seconda merceologia dopo le penne e registra ottime performance in Italia», ha spiegato a MFF Nicolas Baretzki, neo ceo di Montblanc, in carica da aprile scorso (vedere MFF del 10 novembre 2016). «Proprio in questa direzione siamo pronti a inaugurare un nuovo monomarca a Milano, il primo in Italia con questo concept, che avrà un focus maggiore sulla pelletteria per enfatizzarla (il brand ha già tre shop in città e uno a Malpensa, ndr). Il punto vendita sarà all’interno della Galleria Vittorio Emanuele II e contiamo di aprirlo a settembre. Inoltre pensiamo che la nuova linea sia adatta anche ai giovani, data l’unicità dei suoi pezzi», ha proseguito Baretzki, che si è poi soffermato sui progetti futuri del brand. «Anche per quest’anno puntiamo di crescere per contribuire allo sviluppo del gruppo. L’Italia per noi è strategica perché rappresenta uno tra i primi mercati in Europa», ha concluso il numero uno. Tornando alla neonata collezione, ogni articolo si caratterizza per la versatilità. Dalla briefcase con uno scomparto, alla custodia porta documenti con zip. Dall’assortimento di city bags, come il piccolo zaino o la reporter, fino al borsone con frontale staccabile, che può essere usato come clutch. Completa la linea di pelletteria una cover pensata per la realtà aumentata, recentemente lanciata dalla maison, che unisce la scrittura manuale al digitale. (riproduzione riservata)