15 Settembre 2017

Brama cresce ancora

Il gruppo da 50 milioni (+22%) ha inaugurato uno showroom a Milano, assumendo la distribuzione diretta dei brand in portafoglio anche in Italia, tra cui il denim Frame.

di Chiara Bottoni

Brama cresce ancora

Una nuova sede direzionale a Milano e l’acquisizione della distribuzione di Frame per l’Emea. Brama si presenta sul mercato in occasione della campagna vendite delle collezioni primavera-estate 2018 con queste due importanti novità, che rappresentano lo sbocco naturale di un processo avviato da qualche anno a questa parte. «Si tratta di operazioni importanti, che si inquadrano in un progetto strategico ben preciso e che affonda le sue radici nell’inaugurazione del nostro primo showroom diretto a Parigi nel 2011», ha raccontato a MFF Renzo Braglia, amministratore delegato di Brama, che chiuderà il 2017 con vendite a quota 50 milioni di euro rispetto ai 41 milioni dello scorso anno (+22%). «Da allora, siamo arrivati a un totale di sette showroom diretti e permanenti in Europa, capaci di servire oltre mille clienti multimarca dell’area Emea. Milano è stata volutamente l’ultima tappa, in quanto punta dell’ iceberg di una rete già ben strutturata». Lo spazio di 1.100 metri quadrati su tre piani, situato all’interno di un palazzo storico in via Sirtori 22, permetterà infatti al gruppo di assumere la distribuzione diretta anche sul territorio italiano, prima affidato ad agenti terzi, e su tutti i mercati internazionali facenti capo alla città lombarda dei marchi di competenza, ovvero Equipment, J Brand, Opening ceremony, Mother e Norma Kamali tra gli altri. Marchi a cui si aggiungerà, a partire dalla campagna vendite spring 2018, Frame, di cui sarà gestita la distribuzione nell’Emea, esclusi Uk e Scandinavia. «Frame è un giovane brand che, in poco più di quattro anni, è riuscito a imporsi sul mercato Usa», ha sottolineato Braglia, «in Europa c’è ancora molto lavoro da fare e questo sarà il nostro compito. Frame andrà ad arricchire e a completare il nostro brand portfolio nel mondo del denim deluxe». (riproduzione riservata)