20 Settembre 2017

Italia Independent, via al nuovo corso

Tra le novità del marchio il patto con Rossignol apparel per l’eyewear, al debutto il prossimo Mido.

di Barbara Rodeschini

Italia Independent, via al nuovo corso
Adv Italia Independent

Si apre un nuovo capitolo per Italia Independent. Archiviato l’annus horribilis del 2016, la semestrale evidenzia un’inversione di rotta con il fatturato a 16,06 milioni di euro (-1,7%), ma con importanti obiettivi raggiunti come il break even operativo: l’ebitda che sei mesi fa era in rosso per 1,7 milioni di euro, oggi è tornato positivo per 35 mila euro. «Abbiamo migliorato di 2 milioni di euro anche l’Ebit mentre l’assetto operativo, creditizio e gestionale sono in progressione», ha spiegato a MFF Giovanni Carlino, ad del marchio da novembre 2016. «Si tratta dei primi risultati di un intenso lavoro di ristrutturazione che stiamo svolgendo e che continueremo nei prossimi mesi. Italia Independent nel 2017 compie dieci anni con la ferma intenzione di ritornare alle origini distinguendosi per un progetto innovativo e disruptive come sottolinea la nuova piattaforma di comunicazione e la nuova campagna». Fondato nel 2007, il marchio di occhialeria e lifestyle, da subito si è imposto per l’innovazione. Un percorso ad alta velocità, costellato da collaborazioni altolocate, tra cui Adidas Originals e Hublot, che oggi vuole riportare in primo piano i valori del marchio secondo il claim del debutto, Essere indipendenti è scrivere ogni giorno la propria storia. «Siamo fermamente convinti che sia più importante fare meno operazioni, ma più incisive. Il decennale di Italia Independent non è un punto d’arrivo, bensì un nuovo inizio che guarda al potenziamento della società. In quest’ottica anche il tema delle collaborazioni è sviluppato in maniera selettiva privilegiando i partner importanti», ha continuato il ceo, «stiamo lavorando con Rossignol apparel. Al prossimo Mido debutterà un’esclusiva collezione di eyewear da sole in cobranding. Rossignol by Italian Independent avrà un posizionamento di fascia alta nel rispetto del dna e dei valori di entrambe le società». In attesa di scoprire i primi modelli nati dalla collaborazione tra la società fondata da Lapo Elkann e lo storico marchio di Grenoble la cui divisione Apparel è guidata da Alessandro Locatelli, Italia Independent non esclude la crescita sul fronte retail, «Ad oggi abbiamo circa dieci insegne tra Milano, Torino, Miami, St. Tropez, Courmayeur e Porto Rotondo. Nel corso dell’anno abbiamo chiuso alcuni indirizzi, che non performavano secondo le aspettative, e per il futuro non escludiamo di varare nuovi format», ha concluso Carlino. (riproduzione riservata)