6 Ottobre 2017

Rolex, all’asta il Daytona appartenuto a Paul Newman

Sarà battuto il 26 ottobre a New York dalla casa Phillips in association with Bacs e Russo. La base stimata è di oltre un milione di dollari. Grande attesa tra i collezionisti

di Pagina a cura di Paco Guarnaccia

Rolex, all’asta il Daytona appartenuto a Paul Newman

La data del 26 ottobre è segnata in rosso sulle agende di tutti i collezionisti di orologi. In questo giorno, infatti, la casa d’aste Phillips in association with Bacs e Russo nell’ambito della sessione Winning icons di New York metterà all’incanto il Daytona di Rolex appartenuto e indossato dal leggendario attore Paul Newman. Per avere un’idea di quanto fondamentale sia questo momento basta scorrere i risultati delle maggiori aste di orologi degli ultimi anni per accorgersi che quei Daytona di Rolex soprannominati amichevolmente Paul Newman, ovvero quei modelli con i contatori cronografici con un colore in contrasto rispetto a quello del quadrante. Hanno praticamente tutti superato agilmente i 100 mila euro e, in alcuni casi, toccato cifre tra i 300 e i 400 mila euro. Numeri che si prevede saranno ritoccati inevitabilmente al rialzo, anche perché per il Daytona Ref.6239 in acciaio di Paul Newman (che sarà accompagnato da una lettera scritta dalla figlia Nell Newman che destinerà parte dei proventi della vendita alla sua fondazione benefica) la base d’asta stimata è di oltre un milione di dollari. Ma questa è una delle facce che rappresentano il Daytona, il modello di Rolex con funzioni cronografiche e scala tachimetrica sulla lunetta, i cui modelli nella collezione corrente sono sempre tra i più ricercati dagli appassionati di lancette. Infatti, ogni volta che ne viene lanciata una nuova versione, le liste d’attesa nei concessionari si fanno importanti. Ma per indossare uno dei modelli più iconici della storia dell’orologeria sono in tantissimi a pazientare il loro turno. Questa collezione nasce nel 1963 col nome di Cosmograph cui poco dopo viene aggiunto Daytona (dalla gara automobilistica americana delle 24 ore di Daytona, in Florida, che debutta praticamente in contemporanea), visto che, fin dagli esordi della competizione, tra i premi per i vincitori c’era anche un Rolex. Nel 1992 il sodalizio con la corsa diventa ufficiale e la gara cambia nome in Rolex 24 at Daytona. L’ultimo nato, presentato a Baselworld 2017, è un Cosmograph Daytona in oro (giallo, bianco o rosa) con una lunetta in cerachrom in ceramica hi-tech sulla quale si trova la scala tachimetrica, e uno sportivissimo bracciale brevettato Oysterflex, formato da una lama metallica flessibile rivestita da un elastometro ultra resistente. (riproduzione riservata)