13 Ottobre 2017

Nasce il fondo cinese per i millennials

Il ruolo dei millennials inizia a far gola agli ambienti finanziari cinesi. Lo sa bene Adrian Cheng, rampollo di una delle famiglie più ricche di Hong Kong e vicepresidente esecutivo del New world development group, che ha deciso di creare un fondo di investimento rivolto proprio agli interessi dei millennials e della generazione Z, che oggi conta oltre 650 milioni di persone nel Paese, battezzato C ventures. «Non si tratta solo di un fondo», ha precisato l’imprenditore. «Vorrei costruire una sorta di ecosistema culturale capace di connettere a livello globale piattaforme fashion, media e creative, agevolando ai loro operatori lo scambio di idee». Un’operazione strategica, quella della neonata realtà del magnate asiatico che, dopo aver investito in aziende come Armarium, Dazed media e Not just a label, mira a conquistare l’attenzione della generazione Bat, acronimo dei tre colossi tecnologici cinesi Baidu, Alibaba e Tencent.