14 Novembre 2017

ModaImpresa riparte con Nolita

La società molisana distribuirà nel mondo il brand e in cinque anni punta a triplicarne i ricavi.

di Matteo Minà (Firenze)

Si amplia, a due anni dalla sua costituzione, il business di ModaImpresa, società molisana nata per volontà di una ventina di ex dipendenti Ittierre (vedere MFF del 5 gennaio 2016), che oggi ne detengono alcune quote societarie assieme a un pool di finanziatori italiani. L’azienda ha appena firmato un accordo di licenza con la società veneta Area B, per la produzione e distribuzione mondiale delle collezioni donna e accessori di Nolita. Il marchio, dopo un periodo tormentato, è passato nel 2015 sotto il controllo della realtà specializzata in intimo e beachwear con sede a Piove di Sacco (Padova), che fa parte del gruppo Pittarello. Ma non solo: ModaImpresa, oggi una srl con capitale sociale di circa mezzo milione di euro e con 25 dipendenti, chiude il 2017 a circa 1 milione di euro di giro di affari, frutto delle vendite del marchio proprio Le Tonerre studio (vedere numero del 15 luglio 2016), e delle commesse industriali per alcune label del fashion business. «Siamo soddisfatti e orgogliosi di poter lavorare al progetto di rilancio di Nolita, che negli anni ha avuto un ruolo da protagonista», ha spiegato a MFF Romolo D’Orazio, manager con un passato anche in Ittierre e oggi presidente e ad di ModaImpresa. L’accordo di licenza ha una durata di cinque anni e prevede l’opzione di acquisto del marchio. «Presenteremo il primo step del nuovo corso a gennaio con le collezioni autunno inverno 2018/19. La proposta comprende capi in denim, un’offerta dailywear e una parte cocktail. Inizialmente il focus dello sviluppo sarà su Italia, Spagna, Francia, Nord Europa ed Estremo Oriente. Ereditiamo un fatturato di circa 2 milioni di euro, ma l’idea è di portare Nolita a circa 6-7 milioni nei cinque anni del deal, di cui il 60% da vendite estere, grazie a una distribuzione nei multimarca e all’apertura di corner e shop in shop», ha proseguito il manager. Sul fronte aziendale, gli obiettivi di ModaImpresa sono di un’importante crescita del giro di affari già nel 2018. «L’anno prossimo puntiamo a ricavi per circa 3 milioni di euro, che dovrebbero raddoppiarsi nel 2019, anche grazie a una nuova licenza womenswear che stiamo per chiudere con un marchio del made in Italy che si sta ben affermando», ha concluso D’Orazio. (riproduzione riservata)