3 Gennaio 2018

Fashion con il turbo per tutto il 2018 (+4,5%)

Secondo un report di McKinsey, la moda accelererà il suo passo in questo nuovo anno fino a toccare vendite per 2.500 miliardi di dollari.

di Fabio Gibellino

Fashion con il turbo  per tutto il 2018 (+4,5%)
Un look della sfilata s-s 18 di Balenciaga, brand del gruppo Kering

Il mondo della moda continuerà a correre anche nel 2018. E lo farà più velocemente di quanto non sia accaduto nel 2017. A dirlo è il report The state of fashion 2018, documento realizzato da McKinsey & Company che per l’anno in corso prevede una crescita media compresa tra il 3,5% e il 4,5% (+4-5% per il segmento lusso) per un volume di vendite che potrebbe toccare i 2.500 miliardi di dollari (pari a circa 2.100 miliardi di euro a cambio di ieri). Crescita che dovrebbe essere mediamente superiore di un punto percentuale rispetto alle stime sul 2017, pur restando al di sotto rispetto a quella prevista al 5,5% sul lungo periodo. A trainare la performance, secondo lo studio, saranno i mercati emergenti dell’Asia pacifico (India, Vietnam e Cina) con una forbice compresa tra il +6,5-7,5%, l’est Europa (Romania, Russia e Turchia) con il 5,5-6,5%, e i paesi latinoamericani, mediorientali e africani con il 5-6%. Numeri che secondo la ricerca potrebbero portare l’insieme dei mercati emergenti a pareggiare per valore quelli maturi. Questi ultimi dovranno accontentarsi di un tasso di crescita compreso tra l’1 e il 2% nel Nord America e tra il 2-3% in Europa occidentale e l’Asia Pacifico (Giappone). A spartirsi la ricchezza però saranno sempre meno aziende. O almeno è quello che lascia intuire il report, secondo il quale, nel 2016, i primi venti produttori al mondo (tra i quali Kering, Lvmh, Nike, H&M, Zara, Gitanjali Gems) sono stati in grado di generare il 144% dei profitti del settore sul periodo 2005-2015, contro il -47% delle ultime venti società della top 100 e il +3% degli altri. (riproduzione riservata)