13 Gennaio 2018

Andrea Pompilio per Rossignol

Lo stilista ha disegnato per la linea Studio una capsule caratterizzata da macrostampe, stemmi e miscele di colore.

di Barbara Rodeschini

Andrea Pompilio per Rossignol
Nelle foto, look Rossignol disegnati da Andrea Pompilio

Debutta con l’autunno-inverno ’18/19 la capsule collection disegnata da Andrea Pompilio per Rossignol. Il progetto, che affianca le collezioni sport-chic presentate questa settimana a Pitti Immagine uomo, fa il suo ingresso in società in questi giorni presso la sede milanese di Rossignol Apparel, accanto alla collezione femminile Createur disegnata da Jean-Charles de Castelbajac e alla nuova capsule realizzata in collaborazione Wallpaper*. «Rossignol è un’azienda straordinaria, ancora ricordo quando guardavo in televisione vincere Alberto Tomba ai mondiali di sci che vestiva proprio il marchio di Grenoble, ha un know how tecnico unico e quando c’è stata l’opportunità di collaborare alla linea Studio per il progetto Rossignol apparel non ho potuto dire di no», ha spiegato a MFF, Andrea Pompilio, «si tratta di una capsule di circa 35 look tra uomo e donna in cui ho voluto portare l’eccellenza tecnica del marchio di Grenoble in una dimensione più contemporanea e urbana. I capi nascondo dettagli e funzionalità design in un’immagine city, per fare un esempio il classico cappotto in lana pied-de-poule ha le maniche raglan in cotone e le tasche tipiche dello sport. L’interno è in shell no season per permettere ai buyer di comporre i look in base alle vere esigenze della propria clientela. Gli stilemi di Rossignol poi sono riletti in macrostampe o in stemmi in gomma applicati sulla manica sinistra. Abbiamo dato grande spazio alla maglieria in miscele di colori che ricordano la visione attraverso le tempeste di neve, mentre gli accessori richiamano l’heritage scoprendo nuove funzionalità: il porta skipass diventa un porta badge per l’ufficio, le tasche sono multifunzione e i maxi anelli da montagna diventano ideali per agganciare il guinzaglio mentre si passeggia in città». (riproduzione riservata)