13 Gennaio 2018

White, al via il salone trasformista Atteso un nuovo format a giugno

Special guest della fiera è diLiborio, mentre il designer cinese Miaoran anima un evento speciale Introdotta anche la sezione knitwear. «Con il prossimo progetto ci avvicineremo anche al cliente finale», ha commentato a MFF il fondatore Massimiliano Bizzi.

White, al via il salone trasformista Atteso un nuovo format a giugno
Un progetto Miaoran

Si alza il sipario sulla nuova edizione di White Man & Woman. Il salone organizzato da M. Seventy, in calendario fino a lunedì, torna in via Tortona con il menswear e le precollezioni donna. Suddiviso in otto sezioni, tra cui Knitwear la nuova area dedicata alla maglieria realizzata con il supporto di Confartigianato Imprese, la manifestazione riunisce 217 marchi, di cui 157 concentrati tra le sezioni Only Woman e Man & Woman. «White ha nel suo Dna l’innovazione fin dagli esordi», ha commentato il fondatore Massimiliano Bizzi. È un progetto nato grazie a un’idea rivoluzionaria nel settore fieristico e l’edizione di gennaio ne è la prova tangibile, perché nessun appuntamento europeo ha creduto nell’opportunità di un’esposizione co-ed come noi, basti pensare che il 60% delle pre-collection donna proviene dall’estero». Questa stagione verrò presentato un brand mix composto da aziende consolidate e designer label: special guest del salone è diLiborio, mentre il designer Miaoran anima uno special event. «Non solo», ha aggiunto Bizzi, «abbiamo potenziato la strategia di connessione con gli showroom milanesi mentre procede l’analisi sul tema dello sportswear evoluto con la seconda edizione di Ahead, in tandem con lo showroom Tomorrow London Limited». Un percorso che trova spazio anche per il sostegno alle giovani generazioni con il Premio Ramponi che, giunto all’ottava edizione, accende i riflettori sulla creatività di Azzurra Gronchi. Patrocinato dal Comune di Milano, il salone presenterà domani sera anche un nuovo format che debutterà poi a giugno, «White è costantemente in evoluzione e ama la sperimentazione. Ogni novità è frutto di un’attenta analisi merceologica e del mercato e da giugno ci avvicineremo anche al consumatore finale», ha concluso Bizzi. Domani sarà la volta dello lo spin-off della nuova sezione, White street market, che affiancherà il tradizionale palinsesto della manifestazione da giugno. Si tratta di una formula inedita B&C-Business and Consumer, che per la prima volta vede un salone aprire le porte alla città. «Questa iniziativa, che abbiamo sviluppato con Paolo Ruffato di Probeat Agency e che avrà l’art direction di Walter D’Aprile, rappresenta un capitolo complementare di White e porta la moda vicino ai milanesi come già successo in passato con le nostre urban catwalk». (riproduzione riservata)